top of page
Le sorelle del Mare del Nord

Le sorelle del Mare del Nord

Anne Prettin

Garzanti, 2022

Spesso i libri ci attraggono con un’accattivante copertina: è stato il caso per questo romanzo, che si presenta con una fotografia che evoca atmosfere anche un po’ “vacanziere”…il mare sullo sfondo, la duna di sabbia con la vegetazione scarsa e selvaggia tipica delle zone nordiche…. Perché è proprio lì che ci troviamo, a Juist, una delle sette isole dell’Arcipelago delle Frisone, sul Mare del Nord, inserite nel Parco Nazionale del Wattenmeer, tutelato come Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco. Qui, in questa regione particolare - che subito ti viene voglia di andare a visitare e scoprire - si dipanano le vicende delle sorelle Kiessling: Theda, Frauke e Marijke, le figlie di Adda, le nipoti di Johanna. Lungo le 420 pagine del romanzo il lettore viene sballottato e trascinato nella Germania in guerra e nell’immediato dopoguerra: ritrova Dresda con il feroce bombardamento del 1945, Berlino con un muro in costruzione e con le difficoltà per la popolazione di quegli anni e i tentativi di fuga verso l’Ovest. In mezzo a tutte queste vicende storiche si innestano le vicende private e personali delle sorelle, ai giorni nostri, alle prese con una misteriosa donna che arriva dalla Nuova Zelanda in cerca delle sue origini. Il passato ritorna prepotente alla ribalta, tanti misteri mai risolti chiedono finalmente di essere affrontati, la lettura incalza e … spesso ci si perde tra i salti temporali, tra i nomi complicatissimi dei personaggi, spinti dal desiderio di arrivare in fondo e finalmente venire a capo del garbuglio insieme alle sorelle Kiessling. Che dire: tutto sommato non una cattiva lettura, diciamo che “vale il viaggio”, ma spesso è stata faticosa per l’enorme mole di spunti messi sulla carta dall’autrice che, forse, avrebbe fatto meglio a non concentrare tutta la saga in un unico volume, riuscendo magari ad approfondire maggiormente certi caratteri e certe situazioni.

EmmeDi, aprile 2024

bottom of page